Vasco Rossi contro Solieri: gli spari sopra sono per lui!

Non c’è niente da fare, ormai lo abbiamo capito, Vasco Rossi, il rocker maledetto, l’autore di capolavori come “Alba chiara” e “Sally”, non sopporta le critiche.

Forse sarà un caso ma, da quando ha scoperto il mondo di Facebook, il Blasco ne ha un pò per tutti: da Baglioni “l’emblema delle canzonette”,  a Pelù “non ho capito se canta per scherzo o per caso”, da Minghi “la sua aria da fenomeno fà pena”, fino a Ligabue “devi mangiare ancora un po’ di polenta prima di poterti confrontare con me”.

Caro Vasco, peccato che la tua generosità nel distribuire giudizi non sia ricambiata da altrettanta disponibilità nell’accettarne. Evidentemente, ironia e autocritica, da te non stanno di casa.

Prima la vicenda che lo ha visto protagonista contro “Nonciclopedia”, rea di averlo preso in giro con toni eccessivamente ingiuriosi (toni in realtà un pò pesanti ma innegabili per chi ha fatto della sua vita al limite degli eccessi il suo biglietto da visita).
Adesso i suoi strali da tribunale dell’inquisizione si abbattono su Maurizio Solieri, il 59enne storico chitarrista (o forse da oggi ex) che accompagna Vasco nei suoi tour da oltre 30 anni, tranne una breve parentesi.

La colpa  stà in un’intervista che  Solieri ha rilasciato al Corriere della Sera, in cui non condivide la scelta di non partecipare al concerto per la solidarietà per l’Emilia terremotata, aggiungendo di non avere ormai più rapporti umani con il rocker, ma solo professionali, permettendosi inoltre di dichiarare che ” …Da anni, lui vive separato dai mortali”. E anche: “Io se leggo ‘Vasco santo subito’ mi inquieto e mi tocco anche un po’ i coglioni”. O ancora “… ultimamente sembra incazzato con il mondo, forse non sta bene”.
Vasco non ha gradito e, tramite Facebook (ci mancherebbe), senza mezzi termini, lo ha letteralmente mandato a “farsi fottere”.

“Caro Solieri- questo in sintesi ciò che scrive Vasco- ci conosciamo dal ’77…, assunsi anche te perché conoscevi molto la musica americana e inglese ed eri una specie di esperto, ti sentii suonare la chitarra una sera al bar e rimasi stupefatto. Suonavi esattamente come oggi. Ed è questo il punto caro Solieri. Da quando abbiamo cominciato nel 78  non sei cambiato di una virgola. Non sei cresciuto, assoli molto spettacolari ma poco precisi…”.
“…dimentichi che hai potuto esprimere il tuo talento solo grazie a me,- continua– voi eravate degli orchestrali e le vostre prime timide musiche che io vi  ho consigliato di fare sulle quali io ho scritto le parole, le ho fatto diventare vere.”
Poi la stoccata finale “… Dici che ultimamente sembra sia incazzato con il mondo?.. forse non sto bene? Ma vai a farti fottere anche te insieme a tutti gli altri..Io incazzato lo sono stato sempre!”

Solo il tempo ci dirà se questa è una vera e propria lettera di licenziamento con buona pace per l’art. 18,  per intanto il popolo del Blasco cerca di sdrammatizzare: “Vasco,  ricordati che quando sei finito in galera tutti ti davano per destinato a morire sotto un ponte, invece Maurizio ti ha aspettato e avete ricominciato a fare grandi cose. Che poi ti abbia voltato le spalle in un secondo momento non lo si nega,  ma lo hai fatto pure te nel 96, Solieri sarà un testa di cazzo, ma lo sei sempre stato pure tu, ricordatelo!”.

Caro Vasco, ormai coltivare l’aureola di “personaggio maledetto” di cui ti sei appropriato è diventata impresa ardua, specie dopo la tua immersione in Facebook,  che di anticonformista ha ben poco, sparare a destra e a manca sbandierando il vissillo della falsa ipocrisia è un duello che ha fatto il suo tempo, specie se non si ha l’abilità di parare i colpi altrui.

Caro Vasco, facile il gioco dei tuoi detrattori che vedono in queste polemiche la facile pubbblicità di un personaggio ormai in discesa, sarò onorato di una tua critica, in tutti questi anni hai saputo spazzare via tutto e tutti grazie alla tua musica, alle tue parole e all’affetto che i tuoi fans (e mi ci metto anch’io) ti hanno dimostrato.

 

Caro Vasco, fai che la tua “Alba Chiara” non si consumi in un… tramonto opaco!



Riguardo l'autore dell'articolo posso dirvi che..

ha scritto 277 articoli su BAFAN.IT.

Articoli correlati

  • Vasco Rossi – Eh..Già! (video) Il 20 Marzo 2011 ritorna un’icona della musica italiana, VASCO ROSSI L'ormai sessantenne rocker di Zocca ( 7 febbraio 1952) ci regala un ultimo capolavoro "Vivere o niente"
  • Vivere o Niente: Vasco Rossi è ancora qua!Vivere o Niente: Vasco Rossi è ancora qua! Torna un''icona della musica italiana, torna VASCO ROSSI Il prossimo 29 Marzo 2011 è il giorno fissato per l'alba del suo ultimo lavoro, un " manifesto dell'uomo nuovo di oggi" Vasco Rossi ci racconta il mondo da circa 60 anni (Zocca, […]
  • Buon compleanno Komandante BlascoBuon compleanno Komandante Blasco 60 anni passati tra eccessi, provocazioni e bellissime canzoni. Eccesso per eccesso eccovi un Vasco Rossi in versione punk prima maniera:"Asilo Republic"
  • Siamo Soli (Vasco Rossi)Siamo Soli (Vasco Rossi) Quale pezzo migliore per il giorno dedicato ai single? Sarà forse triste, in apparenza, ma la solitudine non è forse un prezioso momento da dedicare a se stessi, da utilizzare per ritrovare la propria vera natura e per prepararsi al […]
  • Vasco Rossi, nuovo inedito e nuovo tour.Vasco Rossi, nuovo inedito e nuovo tour. Vasco Rossi riparte per una stagione di nuovi concerti l' "Europe Indoor Tour", intanto, dal 25 Settembre uscirà il nuovo singolo "Ad ogni costo", una cover dei Radiohead...
  • Cambia-Menti: Vasco è ancora qui! (Video)Cambia-Menti: Vasco è ancora qui! (Video) Cambiare si puo? Qualcosa si può fare, non tutto è però possibile! A dirlo è il sempreverde rocker italiano,Vasco Rossi, tornato recentemente alla ribalta con il suo ultimo singolo, "Cambia-Menti" in cui tutto, dal titolo al testo, […]
  • L’uomo più semplice (Vasco Rossi)L’uomo più semplice (Vasco Rossi) "Pensavo di aver chiuso con gli stadi.. ed invece gli stadi non avevano chiuso con me!" Ritorna Vasco con questo fantastico ultimo singolo.. apripista dell'ennesimo tour del Komandante!
  • Chi ha scritto “Questa canzone”? Mina a caccia dell’autoreChi ha scritto “Questa canzone”? Mina a caccia dell’autore La notizia sembrerebbe falsa se non fosse vera e sembrerebbe assurda se dietro non ci fosse il nome di un grande artista e pilastro della musica italiana, Mina! La cantante riceve costantemente molto materiale artistico, demo e testi, […]

2 Commenti su “Vasco Rossi contro Solieri: gli spari sopra sono per lui!”

  • Bafan 12 giugno, 2012, 16:41

    Direi una prese di posizione chiara la tua, Manolo, ma attento all’ira di Vasco che ormai maneggia il web meglio del microfono! :mrgreen:
    Non mi pare che però l’attacco/difesa di Vasco faccia una piega; ha solo risposto a modo suo, a parole non belle nei suoi confronti e lo ha fatto tirando fuori quello che magari aveva dentro da tempo!
    Per quanto riguarda poi la sua non partecipazione all’evento musicale in onore dei terremotati, Vasco è stato chiaro anche qui: “Se uno vuole fare della beneficienza mette mano al portafogli, non alla chitarra!” 😉 😉

  • Manolo 12 giugno, 2012, 18:12

    Vasco lo preferisco col microfono in mano… non lo capisco quando si atteggia (o glielo fanno fare) a filosofo!
    A parte Solieri, ultimamente sembra che ce ne abbia per tutti, non mi pare che Baglioni o Minghi abbiano esternato pareri su di lui.
    Ripeto, mi piace Vasco ma qualcuno potrebbe obiettare che il rock è solo casino che con la musica non ha nulla a che fare, dunque pure musiche melodiche come le “nenie” di Baglioni meritano considerazione.
    Che abbia i suoi motivi per avercela con Solieri, ci può pure stare, ma è
    come se Maradona avesse rinfacciato a un discreto mediano che gioca da schifo e senza i suoi gol non troverebbe squadra. Che magari è vero però…!
    Boh, pare debba per forza recitare la parte del rompic…ni!

    “Se uno vuole fare della beneficienza mette mano al portafogli, non alla chitarra!”
    Giustissimo, come giusto organizzare un concerto, sennò và a finire che si potrebbe pensare che anche le sue “sparate” su Facebook siano solo modi per far parlare di sè… e senza mettere mano al portafoglio per pagare i pubblicitari.

ADESSO TOCCA A TE!

Scrivici cosa ne pensi di questo articolo...

Lasciaci una domanda, un saluto o soltanto rendici partecipi dei tuoi dubbi!

Come vedi non hai scuse!


Devi essere Registrato o Loggato per lasciare un commento.




Made by BAFANGROUP - Professional 'nd style since 2004