Preparate il costume da bagno: tra un paio di secoli il sistema solare entra in una bolla (Molto!) calda!

Il 2010, pur non essendo un anno bisestile, non si può annoverare tra gli anni felici del pianeta terra!

Dal vulcano vulcano islandese Eyjafjallajokul, passando per un paio di terremoti record, uno dei quali ha addirittura spostato l’asse terrestre, e senza citare l’attuale disastro ecologico, non ancora concluso e definito, che per ora ha trasformato il Golfo del Messico in una laguna di catrame,  una lunga serie di eventi, naturali e non, hanno funestato la prima parte di quest’anno.. ma non è ancora finita!

Un ultima notizia ha fatto rapidamente il giro del web e ha messo in serio dubbio il fatto che in futuro si possa stare meglio che in passato!

Tutto è partito da una mappa planetaria fornita dalla sonda americana targata NASA,  IBEX (Interstellar Boundary Explorer),  lanciata nel 2008,  che studia le regioni più distanti del Sistema Solare, la zona limite di confine con lo spazio interstellare nel quale siamo immersi

Le prime mappe complete del nostro sistema solare , forniteci da questa sonda, hanno rivelato che intorno ai suoi confini corre una struttura simile ad un nastro luminoso, composto da atomi densamente compattati e che non era stato osservato durante le precedenti missioni compiute dalle navicelle Voyager

IBEX  sta esplorando e monitorando i confini tra il sistema solare e lo spazio interstellare; in particolare, le interazioni tra il sole e l’eliosfera, la “bolla” che racchiude il sistema solare, lo protegge dai pericolosi raggi cosmici e segna il confine tra il nostro sistema solare e lo spazio profondo

La sua missione era di creare una prima immagine completa di ciò che accade al margine dell’eliosfera, fotografando gli atomi energetici neutrali (ENA) che circondano la regione

Questi particelle, che non producono luce visibile e sono rilevabili solo attraverso i rilevatori speciali posti sulla sonda, provengono dalla Bolla Locale,  una gigantesca regione interstellare larga centinaia di anni luce, composta da gas rarefatto, turbolento e incandescente e si spingono indisturbate verso il Sole, viaggiando a velocità che vanno da circa 800 mila a più di 4 milioni di chilometri all’ora

Le prime mappe hanno, come dicevamo, rivelato un luminoso e denso nastro di ENA che compiono un cerchio quasi completo intorno al sistema solare

Cosa sta accadendo e cos’è la BOLLA LOCALE?

E’ molto probabile che la Bolla locale si sia formata tra alcune centinaia di migliaia e pochi milioni di anni fa, a causa dell’esplosione di una supernova (il cui resto è probabilmente identificabile nella pulsar Geminga, nella costellazione dei Gemelli) che riscaldò la materia circostante, rendendola più rarefatta

Il nostro sistema solare, che si stima sia entrato nella regione esterna della bolla circa un milione di anni fa, sta attualmente attraversando una nube cosmica,  chiamata Nube Interstellare Locale, grande decine di anni luce e composta essenzialmente da idrogeno a bassa densità, circa un atomo ogni cm3, e dove le temperature raggiungono qualche migliaio di gradi e proveniente dal centro della Bolla locale,di cui fa parte, e dove la densità di particelle è ancora più bassa e le temperature sono mille volte superiori



Tutto questo si conosceva, quello che però un recente studio condotto da scienziati polacchi e americani, e pubblicato su Astrophysical Journal Letters, ha rilevato è la distanza che ci separa dalla linea di confine tra la NUBE e la zona rossa della bolla, precedentemente stimata in milioni di anni, e ora ricollocato a pochi secoli (tra i 100 ed i 200 anni)

Se le teorie proposte dai ricercatori sono esatte, il Sole entrerà nella Bolla Locale tra circa 100 anni o al massimo 200 anni

“Stiamo osservando il nastro perchè il Sole si sta avvicinando a un confine tra la nostra Nube Locale di gas interstellare e un’altra nube di gas molto caldi e tumultuosi”, ha spiegato il professor Stan Grzedzielski del Centro di ricerca spaziale dell’Accademia  polacca delle Scienze di Varsavia, che ha diretto la ricerca in collaborazione con i centri statunitesi di Los Alamos Labs, Southwest Research Institute, e la Boston University

Secondo il professor Grzedzielski, non c’è niente di strano, il Sole infatti si sposta regolarmente attraverso diverse nubi di gas interstellari lungo il suo viaggio galattico

Cosa potrebbe accadere?

I pareri sono tanti, diversi e discordanti

Probabilmente una volta che ci troveremo immersi nella Bolla Locale, l’eliosfera potrà subire qualche cambiamento e assottigliarsi, i livelli di radiazioni cosmiche che entrano nella magnetosfera terrestre potrebbero salire un po’

A detta del professore, le generazioni future dovranno imparare a difendere le tecnologie spaziali dal flusso più forte di radiazioni e dai problemi dovuti dell’aumento delle radiazioni ionizzanti di origine cosmica da cui l’umanità e tutte le specie viventi sarebbero investiti

“Una prospettiva inquietante”, la descrive Francesco Palla, direttore dell’Osservatorio astrofisico di Arcetri ed esperto di nubi interstellari, “Anche se saranno necessarie altre conferme, questa ricerca indica che siamo vicini a potenziali cambiamenti negli scudi, l’eliosfera e la magnetosfera, che ci proteggono”

Difficile ad oggi fare ipotesi e preventivi dei danni, visto che la teoria è comunque da confermare con altre analisi approfondite e mirate, tuttavia non è male portarsi avanti e provvedere a reperire anzi tempo tutto il necessario per una nuova stagione di caldo..

Forse.. e diciamo forse, il sistema solare sta per varcare i confini di una torrida estate galattica!

Vi restano appena un centinaio di anni per procuravi creme e costumi!

Per approfondimenti vi rilasciamo alcune fonti del nostro articolo:

– The Astrophisical Journal : A POSSIBLE GENERATION MECHANISM FOR THE IBEX RIBBON FROM OUTSIDE THE HELIOSPHERE

– Cordis Notiziario: Misterioso “nastro” segna i confini del sistema solare

– Cordis Notiziario:  Uno studio fa luce sulle origini del misterioso nastro spaziale

– Cordis european Commission: Study sheds light on origins of mysterious space ribbon

– INAF Istituto Nazionale di Astrofisica: VICINI ALLA BOLLA INCANDESCENTE- Il Sole sull’orlo della fornace

– WIKIPEDIA: Bolla Locale



Riguardo l'autore dell'articolo posso dirvi che..

ha scritto 854 articoli su BAFAN.IT.

Nato uomo, visse da simpatico umorista, mori e fu sepolto e non si seppe più nulla di lui per millenni!! Accadde un giorno, in uno sperduto villaggio, che un ragazzo di cui ignoriamo il vero nome, si risvegliò da una grave malattia con una nuova coscienza di se e del mondo. Lo shock, provocato da un eccesso di bilirubina nel sangue, aveva causato in lui un amplesso cerebrale in grado di riportare in vita Bafan, il guerriero della lingua, che armato di ironia e sagacia è in grado di svelare la realtà nascosta sotto la crosta dell’apparenza! Ulteriori INFO sull'autore

Articoli correlati

5 Commenti su “Preparate il costume da bagno: tra un paio di secoli il sistema solare entra in una bolla (Molto!) calda!”

  • Henry Morgan 9 Giugno, 2010, 17:36

    Sta diventando leggermente disfattista questo sito?
    Oppure è solo la mia impressione? 😕
    Fuoriuscite di petrolio … porte dell’inferno … adesso la bolla infernale!
    Help.. dov’è finito il portale del tempo libero!
    sprofondato nel buco in mesopotamia? :mrgreen:

  • Messapico 9 Giugno, 2010, 17:40

    E’ verissimo!  😯
    Se continua così ..bisognerà toccare ferro prima di venire su BAFAN.it  😆
    Il portale delle catastrofi naturali e non ! :mrgreen:
    Bafan.. mai pensato di assaggiare l’acqua santa?
    😆 😆

  • Bafan 9 Giugno, 2010, 17:47

    Ragàss.. non è colpa mia se è un anno “HORRIBILiS”
    Succede di tutto e alcune cose non si possono davvero ignorare!
    Quello che accade nel golfo del messico, ad esempio!
    ..ma anche questo articolo!
    Mettiamo ad esempio che uno ha in mente di organizzare una vacanza.. almeno sa a cosa va in contro e decide meglio come gestire i tempi!
    Ovvero non aspetta 100 anni per organizzare quella crociera sul nilo, oppure, viceversa, aspetterà si 200 anni per andare in viaggio nel golfo del M! :mrgreen: 😆

  • LabandadegliOnesti 9 Giugno, 2010, 17:51

    E non dimentichiamo l’Inter che vince in Italia e in Europa.. 😡
    davvero un anno di mer..! 😈

  • zorro 9 Giugno, 2010, 23:09

    Azz, a volte non è facile girare mascherati di tutto punto: maschera, cappello, mantello;
    specialmente quando fà un c…zo di caldo e vedo che il futuro non promette niente di buono!
    Inoltre, a proposito di “toccare ferro”, provate voi a cavalcare Tornado con una mano alle redini e una sulle… parti basse! 8) 8)

ADESSO TOCCA A TE!

Scrivici cosa ne pensi di questo articolo...

Lasciaci una domanda, un saluto o soltanto rendici partecipi dei tuoi dubbi!

Come vedi non hai scuse!


Devi essere Registrato o Loggato per lasciare un commento.




Made by BAFANGROUP - Professional 'nd style since 2004