Ma le stelle quante sono

ma le stelleGiulia Carcasi è nata a Roma nel 1984. Si prepara all’esame di anatomia e il cuore la lascia ancora perplessa.Ma sta ad ascoltare. Senza stetoscopio. Se la vita va veloce, lei non la perde di vista, le va dietro (canzoni nelle orecchie e un biglietto per Parigi in tasca), col vento che s’aggrappa ai capelli e li fa arrabbiare ancora di più. Se due personaggi le regalano la loro storia per raccontarla, lei non ci pensa su. Racconta.

T R A M A

C’è una generazione fatta di sms, gavettoni, crèpes alla nutella, professori frustrati; c’è la voglia di essere ascoltati e di giudicare la vita, gli adulti, l’ingiustizia. Ci sono Carlo e Alice: stessa classe e, a volte, stesso banco.Lui è meravigliosamente imbranato, senza modelli da incarnare, senza maschere. Lei si sente diversa, non omologata,è uno spirito critico e, al contempo, una sognatrice. Il loro cuore è ancora poco addestrato, bravissimo a sbagliare. E così Alice casca tra le braccia di Giorgio, nascosto e intrigante. Carlo si lascia sedurre da Ludovica, la classica ragazza facile che sa il fatto suo. Diciotto anni. Due ragazzi si affacciano su un mondo adulto che capiscono poco, tanto più se la scuola, la famiglia e gli amici si mettono di mezzo… Ma le stelle quante sono è un romanzo senza peli sulla lingua, schietto, diretto, una freccia che va dritta al bersaglio. Una partita di ping-pong sentimentale. Con una bella ventata di romanticismo. Un libro a due facce. A due sessi. A due voci. Per un amore solo.

Due ragazzi, due racconti dai diversi punti di vista per le stesse cose, stessi amici e stessi problemi. Ma le stelle quante sono? Tante…le più grande, le più piccole, brillanti, puntini nel cielo della nostra vita…tutte da scoprire una per una…tutto al suo tempo di crescita. Ci sono anche le stelle cadenti e quelle si guardano con rispetto perché si dice che portino fortuna, come nella vita quando si cade giù col morale o si fa un errore, nello stesso tempo si impara ad alzarci e continuare a camminare con la testa in sù evitando tutte le barriere che si mettono davanti…gli errori fanno male quanto così danno forza per non farli mai più.
La generazione, fatta di sms o no, ha i suoi stessi problemi, dubbi, preoccupazioni e desideri come le tutte generazioni in crescita. Problemi con i genitori che sono troppo occupati con il loro lavoro per ascoltarli bene o non li ascoltano nemmeno, scoperte che gli amici non sono cosi affidabili come si crede e che non sono proprio adatti per dare i consigli perché pure loro stessi sono in cerca delle risposte, problemi con i professori e con le materie che non vanno proprio nel cervello e poi, come la ciliegina sulla torta, arriva l’amore e con questo nuovi problemi e confusione.
Due ragazzi chiusi in se stessi, fanno sbagli nel loro percorso di crescita, ma con questi sbagli imparano a valutare le persone e ad ascoltare se stessi per arrivare alle risposte giuste…e per un caso le loro strade si incrociano e piano piano i loro passi fanno una coppia perfetta…come i puzzle quando trovi i pezzi giusti.
Leggendo questo libro sono tornata indietro con gli anni, mi sono ricordata tante cose che ho fatto a quell’età, o male o con orgoglio….ho ripassato i nomi dei miei amici del cuore e anche di quelli che odiavo….i primi amori, le paure e le cose che oggi avrei fatto in modo diverso…..sono sicura che in questo libro ci si rispecchierà ognuno di noi…buona lettura.

Citato dal racconto di Alice:
Perché vivere è come scalare le montagne: non devi guardarti alle spalle, altrimenti rischi le vertigini. Devi andare avanti, avanti, avanti….senza rimpiangere quello che ti sei lasciato dietro, perché, se è rimasto dietro, significa che non voleva accompagnarti nel tuo viaggio. Però ti servito anche quel pezzo di roccia che non riesci più a vedere, ti ha fatto capire, ti ha dato slancio.

Citato dal racconto di Carlo
Perché diventare uomini non significa aver fatto sesso; significa avere il coraggio di affrontare le proprie paure e di combattere per chi si ama.

Non lo so, il mondo è strano: si allarga, si restringe e poi si riallarga, e tu non puoi mai essere sicuro di riuscire a starci bene dentro. Ma quando riesci a stare dentro, devi rubare tutta la vita che puoi. E metterne un po’ da parte. Che magari, un giorno quando avrai bisogno di ricordi, ti servirà quella manciata di vita e ti farà piacere ritrovarti un po’ di sabbia nei capelli. E ti metterai li, ad accarezzare il tuo amore e a lasciarlo parlare.

Giulia Carcasi

Giulia Carcasi

(Wikipedia)



Riguardo l'autore dell'articolo posso dirvi che..

ha scritto 51 articoli su BAFAN.IT.

Articoli correlati

  • Io sono di legno! (Giulia Carcasi) – Lo abbiamo letto per voi!Io sono di legno! (Giulia Carcasi) – Lo abbiamo letto per voi! Una madre ed una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Anche questo secondo romanzo di Giulia Carcasi è un libro a due facce. (Leggi il racconto del primo romanzo). Una storia a due voci, come anche i punti di vista […]
  • Ayla figlia della Terra di Jean M. Auel (Lo abbiamo letto per voi) Ayla figlia della Terra: un avventura che dalla preistoria giunge con tutta la sua irruenza a noi popolo del futuro! Conosciamo insieme l'ultimo meraviglioso libro consigliato da Tina!
  • Mille splendidi soliMille splendidi soli La condizione delle donne afgane in un romanzo ricco di fascino e di emozionante realtà dell'autore de "Il cacciatore di aquiloni".
  • Libri, libri….scaricare gratisLibri, libri….scaricare gratis Io adoro i libri, mi piace il loro profumo, mi piace sfogliarli, leggerli e, se potessi, vivrei in una biblioteca come un topo. Credo che molti saranno d'accordo con me sull'importanza della lettura. I libri ci intrattengono, […]
  • Le chiavi del cambiamento: a Roma un appuntamento da non perdere Le chiavi del cambiamento sono nelle nostre mani; a fornircele sono le dottrine della cultura, mediate dal nostro cuore e gestite da un'armonia interiore Se l'argomento vi interessa ho qui una notizia davvero golosa, un'idea fantastica […]
  • James Redfield torna in Italia: un occasione per conoscerlo dal vivo! Torna in Italia, dopo la recente tournée per la presentazione del suo ultimo lavoro, "La Dodicesima Illuminazione" (Edizione Corbaccio) , James Redfield già autore de "La Profezia di Celestino" Reicontreremo l'uomo che ha scritto di un […]
  • Crypto (Digital Fortress) di DAN BROWNCrypto (Digital Fortress) di DAN BROWN L'NSA possiede un supercomputer in grado di decodificare velocemente qualunque testo cifrato e controllare la posta elettronica di chiunque. Il suo scopo è quello di prevenire eventuali minacce per la sicurezza nazionale, grazie […]
  • La gemella silenziosa – S. K. Tremayn (l’abbiamo letto per voi)La gemella silenziosa – S. K. Tremayn (l’abbiamo letto per voi) Può una madre non essere in grado di riconoscere la figlia? Sarah non ci pensa, ma una notte, col solo mugghiare del vento ad ascoltarle, Kirstie alza gli occhi e sussurra: «Mamma, perché continui a chiamarmi Kirstie? Io sono Lydia. […]

6 Commenti su “Ma le stelle quante sono”

  • Ugo Pratz 20 Settembre, 2009, 19:27

    deve essere davvero un libro piacevole da leggere!
    anzi.. direi che mi hai fatto venire proprio voglia! 😉

  • Tina 22 Settembre, 2009, 16:59

    A me è piaciuto molto 😀 l’ho letto in due giorni ed ero dispiaciuta che non
    aveva il continuo 😉

  • my angel 3 Luglio, 2010, 19:58

    😀 adoro questo libro molto coinvolgente

  • Fely 10 Febbraio, 2011, 16:58

    Io L’ho letto ed è interessante 😡

  • sabrina 6 Gennaio, 2013, 15:11

    Questo libro mi è piaciuto davvero tanto, l’ho finito di leggere oggi ed è stato interessante, anche se mi sarebbe piacuto vedere un continuo di questa storia. Apparte questo, libro bellissimo da conisigliare a tutti i giovani.!

  • sabrina 6 Gennaio, 2013, 15:12

    😉

ADESSO TOCCA A TE!

Scrivici cosa ne pensi di questo articolo...

Lasciaci una domanda, un saluto o soltanto rendici partecipi dei tuoi dubbi!

Come vedi non hai scuse!


Devi essere Registrato o Loggato per lasciare un commento.




Made by BAFANGROUP - Professional 'nd style since 2004
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: