Il mistero dei Templari!

“Conoscere i Templari non cambia la vita, non conoscerli rende più difficile cambiarla”!

La storia dei Templari suggerisce ipotesi capaci di stravolgere la nostra visione del mondo.
Non è una casualità se questo ordine cavalleresco, che conquistò in poco tempo un enorme potere dopo la Prima Crociata per poi venir sopraffatto con la forza 200 anni dopo, conti ancor oggi tanti appassionati ed eserciti ancora tanto fascino!
Immaginare la loro ricchezza, ripercorrere le loro gesta, significa addentrarsi in una sorta di caccia al tesoro, il loro tesoro!
Ma che fine ha fatto, e soprattutto, in cosa consisteva il Tesoro dei Templari?
Il  Santo Graal, la Sacra Sindone, l’Arca dell’Alleanza: sono alcuni fra i misteri che aleggiano attorno alla fantastica avventura dei Cavalieri Templari!


Dal  1118, da  Hugues De  Payns primo Gran Maestro dell’Ordine a Jacques De Molay che bruciò sul rogo come l’ultimo dei Gran Maestri,  in ogni indizio lasciato da questi monaci guerrieri,  si aprono scenari inauditi su un passato che abbiamo sempre dato per scontato!
Le Crociate, la fondazione della città dell’Aquila che verrà scelta da Papa Celestino per la sua incoronazione, la misteriosa abdicazione dello stesso dopo aver espresso il desiderio che divenisse la Sede della cristianità, sono solo le prime  tracce su cui costruire fantastiche ipotesi su cui sorgeranno le domande a cui neppure la storia ha saputo dare delle risposte!

Ci prova Roberto Giacobbo che, nel suo ultimo libro “Templari. Dov’è il tesoro?”, prova ad intrecciare episodi storici con leggende popolari nel tentativo di svelare storia e tesori di questi affascinanti personaggi! In realtà il libro prende ampiamente spunto da una puntata della trasmissione televisiva “Voyager” condotta dallo stesso scrittore in cui ripercorre persino il processo in cui i Templari furono condannati per eresia! Come lo stesso autore ricorda nel suo volume:Nella storia dei Templari e del loro tesoro è nascosto un mistero capace di cambiare la nostra visione del mondo”!

Ma chi erano i Cavalieri dell’Ordine del Tempio?
Unico corpo di monaci guerrieri, sono nati come “Custodi del Santo Sepolcro”, in pochi anni,  grazie all’appoggio del Papa che li fece diventare l’unico ordine a lui direttamente subordinato e dispensato dalle tasse, diventarono una vera potenza militare ed economica, temuta ed ammirata da Occidente ad Oriente in grado, con i loro finanziamenti ed appoggi, di decidere gli esiti dei conflitti e il futuro dei sovrani d’Europa!
Ciò è dovuto al fatto che ogni persona che abbracciava la causa doveva donare tutti i suoi possedimenti all’Ordine, che in questo modo si trovò ad amministrare beni immobili e ricchezze usati per elargire prestiti con le dovute garanzie e di seguito intascare notevoli interessi! Oltre a quello di  povertà i Templari dovevano fare voto di castità e fedeltà!
Negli anni di tregua con i popoli mussulmani in Terra Santa, furono gli unici garanti e protettori di migliaia di pellegrini che accorrevano a visitare i luoghi in cui ebbe inizio la Cristianità, inoltre molto spesso erano direttamente impegnati negli scambi commerciali tra i mercanti arabi e quelli italiani! Durante quei  periodi di pace, che si alternavano a furiose guerre, grazie a rapporti di lealtà ed amicizia, intrapresero la sapienza con cui gli architetti arabi costruivano favolose costruzioni, la misticità dei riti esoterici e la conoscenza e il rispetto della vita in ogni suo ordine naturale!

Nei due secoli della loro esistenza, Gran Maestri (il capo supremo dell’Ordine, secondo solo al Papa) avidi e fondamentalisti, si susseguirono a quelli saggi e tolleranti con la religione Islamica!
1314- Il tempo dei Cavalieri ebbe termine, iniziò il tempo dei reami che, sempre più indebitati, videro sulle ricchezze accumulate dai Templari l’unica maniera di salvare il proprio regno e, con il sostegno di un Pontefice debole e manovrabile, incriminarono i Templari con l’accusa di satanismo ed eresia che furono condannati a morire sul rogo! Pochi Templari riuscirono a fuggire, il rogo toccò anche all’ultimo Gran Maestro Jacques De Molay che mentre bruciava profetizzò, al Papa colpevole della fine dei Templari  e a Filippo il Bello Re di Francia autore dell’ordine di perseguirli, la fine violenta  per loro e le loro discendenze.
Nel giro di pochi mesi la profezia si avverò!
Un’ altro mistero è come un ordine di guerrieri esperti,  con un esercito senza precedenti,  si sia lasciato distruggere senza abbozzare la più timida reazione, forse troppo votato al potere Papale!
L’ordine fu dimenticato negli anni a seguire per poi tornare in auge nel periodo dell’Illuminismo con tutti i suoi enigmi che ancor oggi non trovano risposta:
La Santa Casa di Loreto  ( secondo la tradizione la casa dove Maria ricevette l’Annunciazione):  erano i Templari gli  Angeli con le ali bianche che la leggenda racconta abbiano trasportato la casa di Nazareth dove si trova oggi?
I resoconti storici lo rendono plausibile!
E’ solamente un caso che la città dell’Aquila, città che doveva diventare la Sede del Papa che ordinò i primi Cavalieri Templari, a quel tempo avesse lo stesso disegno geografico della città di Gerusalemme al contrario?
E se non fossero solo coincidenze i ritrovamenti di costruzioni in America,  risalenti a date antecedenti lo sbarco di Cristoforo Colombo,  edificate con i criteri dei maestri costruttori arabi?  Numerosi Templari trovarono rifugio nei Paesi del Nord per sfuggire alla persecuzione, e proprio gli abitanti dell’Europa del Nord potrebbero averli accompagnati nel nuovo continente già a quel tempo!
Questi Cavalieri segneranno gli anni a venire nei modi più diversi, negli scritti di Goethe, nella Divina Commedia di Dante, fino alla Rivoluzione Francese dove, secondo la leggenda, riappare la figura dell’ultimo Gran Maestro Templare!

Tutto comincia da dove sembra finire!

Parigi, Gennaio 1793- “La folla radunata in P.zza della Rivoluzione, sul patibolo il Re deposto Luigi XVI, ultimo discendente di Filippo il Bello, è davanti a quel che prima era il suo popolo, sa che la sua ora è giunta, vorrebbe  dire qualcosa per difendere la memoria del suo regno ma il boia non glielo permette, ha in mano un coltello con cui  taglia una ciocca di capelli all’ex sovrano, gli lega le mani e lo fa inginocchiare! Il boia sta per calare la ghigliottina, ma prima si china sul Re e sussurra “… è la vendetta di Jacques De Molay”!
Un secondo dopo,  il popolo liberato grida evviva la Repubblica. Il boia stringe la testa decapitata del sovrano e urla “Jacques De Molay, sei stato vendicato”!

Perché quell’urlo? I Templari non erano stati cancellati 400 anni prima?



Anche la trasmissione televisiva “Misteri”, condotta da Enrico Ruggeri ha dedicato una puntata all’argomento!

PARTE 1

[youtube RVip6TVhNXI]

PARTE 2

[youtube Ptp_xYVNe50]

PARTE 3

[youtube NWrdXpbP_Es]

PARTE 4

[youtube 147Zw20Za2U]

 






Riguardo l'autore dell'articolo posso dirvi che..

ha scritto 277 articoli su BAFAN.IT.

Articoli correlati

5 Commenti su “Il mistero dei Templari!”

  • Bafan 22 Ottobre, 2010, 12:28

    Effettivamente è un argomento con molti risvolti storici e non, che spazia su mille fronti e affascina e meraviglia!
    Il Templari sono ormai un mito che si autoalimenta da solo!

  • franco 27 Gennaio, 2011, 12:12

    SANTO GRALL non si scrive cosi…ma bensi SANTO GRAAL…..ignoranti

  • Bafan 27 Gennaio, 2011, 13:58

    Grazie Franco per la preziosa segnalazione; sarà una svista del nostro amico Manolo!

    Ad ogni modo apprezziamo il tuo intervento, un po meno l’aggettivo usato per definire chi si mette quotidianamente in gioco , pronto ad accettare anche commenti “saccenti”come il tuo!

    Questo è il nostro hobby, non il nostro lavoro e spero il tuo non sia quello di andare in giro a dare degli ignoranti alle persone! 😉

    E’ facile sedersi su uno scranno a giudicare la gente, o da un pulpito additare le sviste altrui o ultimo custode della sapienza umana assurto a suo difensore !

    Correggere gli altrui errori non è cosa sbagliata, ma non deve essere accompagnata da giudizi di varia natura!

    CONCLUDENDO:
    Che sia SANTO GRAAL o SANTO GRILL , non ha alcuna importanza se a mancare è il rispetto per le persone!

    Il vero ignorante è chi non rispetta gli altri perché ignora la cosa più importante: l’educazione!

    That’s what I think!

  • manolo 27 Gennaio, 2011, 19:01

    Ciao Franco, lieto che tu abbia letto l’articolo con cotanta attenzione!
    Purtroppo ti dovrai rassegnare, neanche gli sforzi del mio vecchio professore di italiano ha saputo tarpare le ali alla mia ignoranza!
    Pensa che lui insisteva nel dire che “così” e “bensì” andavano scritte con l’accento, ma io, ignorante appunto come una capra, continuavo a scriverli senza!
    … E sono contento di vedere che non ero l’unico, vero Franco? :mrgreen:
    Suvvia, continua a seguirci e a correggerci… beata ignoranza!

  • Bafan 27 Gennaio, 2011, 20:45

    VOLENDO .. sarebbe bastato continuare a leggere l’articolo per vedere che dopo lo avevi scritto correttamente! 🙄

ADESSO TOCCA A TE!

Scrivici cosa ne pensi di questo articolo...

Lasciaci una domanda, un saluto o soltanto rendici partecipi dei tuoi dubbi!

Come vedi non hai scuse!


Devi essere Registrato o Loggato per lasciare un commento.




Made by BAFANGROUP - Professional 'nd style since 2004