Il delfino di Sergio Bambarén

“Tutti abbiamo i nostri sogni, pensò. L’unica differenza è che alcuni lottano, e non rinunciano a realizzare il proprio destino, a costo di affrontare qualunque rischio, mentre altri si limitano a ignorarli, timorosi di perdere quel poco che hanno. E così non potranno mai riconoscere il vero scopo della vita.”

Ho cominciato con questa citazione, tratta da una pagina del libro, perché in poche righe spiega molto meglio di quanto potessi fare io, il tema e l’importanza di questo meraviglioso libro. I consigli e le indicazioni per trovare il proprio scopo di vita, tanto presenti in molti altri libri, qui si  comprendono facilmente, grazie a giochi di parole semplici e messi bene insieme.

Dolphi, il protagonista della storia, è un delfino simpatico e curioso, che vive con il suo gruppo in un posto sicuro all’interno della Laguna, ma che, spinto da una voce interna, vuole andare oltre quella sicurezza, oltre quella barriera corallina; vuole conoscere nuovi posti, incontrare gli altri abitanti del mare, ma soprattutto scoprire cosa è e dove si trova l’onda perfetta.

Tutti cercano di scoraggiarlo, raccontandogli dei pericoli  e problemi del mare aperto e delle creature che lo abitano, ma quando arriverà il suo momento, lui non avrà più dubbi e nemmeno la paura di affrontare quanto il destino gli metterà davanti al cammino verso il suo sogno.

Chi non ha paura di affrontare certi rischi nella vita? Arriva però il momento in cui  bisogna rischiare e seguire quello che davvero si desidera con tutto il cuore. Pensate se non fossero esistite persone così nella vita, capaci di rischiare, di buttarsi oltre l’ostacolo o l’apparente certezza; probabilmente non avremmo tutti gli agi che abbiamo.

Anche mia madre diceva sempre “chi non rischia, non perde, ma nemmeno ne approfitta”, che non vuol dire che rischiando non si  batterà la testa, ma che questo non ci deve togliere la voglia di combattere e andare avanti, anzi, se possibile, ci si deve rialzare più ostinati e decisi di prima.

Nel libro si parla anche della paura dei cambiamenti e degli “altri” fuori dal gruppo, fuori dalla Laguna protetta in cui viviamo, che se vogliamo fare un paragone con il nostro mondo, sarebbe la paura  per gli stranieri, gente che viene da paesi diversi, diversi gruppi religiosi o semplicemente gente con la pelle diversa dalla nostra.

Questo è un problema vecchio come il mondo, ma credo che persone prive di pregiudizi possano capire che anche quelli che fanno paura, gli “altri“, sono uguali a noi, nonostante la loro diversità: con i loro sogni da raggiungere, i problemi di ogni giorno da affrontare e con la paura di vivere in un mondo che non li capisce o non vuole farlo!

In questo libro si possono ritrovare anche altre tematiche, come ad esempio la paura di crescere, della diversità fisiche e culturali presenti nel mondo, la paura di rischiare nella vita, di lasciare la propria casa e/o il proprio paese e di affrontare le altre persone .. dipende tutto dallo spirito con cui affrontiamo la lettura di questo fantastico libro.

Personalmente sono convinta che tutte queste paure non ci debbano fermare; non dobbiamo cancellarle o sopprimerle, ma affrontarle e superarle con un po’ di coraggio, perchè durante il cammino della vita, tutto servirà a formarci, a essere noi stessi, a prescindere dall’obbiettivo che ci siamo promessi di seguire.

Sergio Bambarén è da sempre uno dei miei scrittori preferiti. Leggendo i suoi libri mi viene il coraggio di vivere e di affrontare ogni cosa. Ve ne consiglio vivamente la lettura, anche se è classificato come libro per i bambini!

Parola di Tina.

Tratto dal libro:

“La scoperta di nuovi mondi non ti porterà solo felicità e saggezza, ma anche tristezza e paura. Come puoi apprezzare la felicità senza sapere che cosa è la tristezza? Come puoi raggiungere la saggezza senza affrontare le tue paure. Alla fine la grande sfida della vita consiste nel superare i nostri limiti; spingendoci verso luoghi in cui mai avremmo immaginato di poter arrivare.”

“Il segreto di un’esistenza piena e felice sta nell’imparare a distinguere tra i tesori veri e quelli falsi.”

“Mi disse che è sempre meglio seguire i sogni, non importa quanti anni hai, piuttosto che non farlo affatto.”

Sergio Bambarén

è un autore australiano, nato in Perù e vissuto molti anni negli Stati Uniti.
Esperto surfista, sensibile alle battaglie ecologiste per la salvaguardia dei mari, ha scritto libri di grande successo.

E’ stato in Portogallo, in una meravigliosa spiaggia circondata da foreste di pini chiamata Guincho, che Sergio Bambarén ha scoperto il significato profondo dell’esistenza e ha trovato un amico davvero speciale: un delfino solitario che gli ha ispirato il primo romanzo, “Il Delfino”, pubblicato a sue spese nel 1996.
Improvvisamente ogni cosa è cambiata nella sua vita: in Australia “Il Delfino” ha venduto più di 100.000 copie. Attualmente è stato tradotto in più di 40 lingue e dialetti, tra cui il russo, il cantonese, il giapponese, il lettone, il croato, l’ebraico e lo slovacco.
La conoscenza dell’ambiente marino e la volontà di salvaguardare i cetacei, hanno reso Sergio Bambarén vice-presidente dell’Organizzazione Ecologica Mundo Azul (Blue World), e scrivere romanzi, sempre legati al suo sforzo costante di preservare gli oceani e le creature che li abitano.



Riguardo l'autore dell'articolo posso dirvi che..

ha scritto 44 articoli su BAFAN.IT.

Articoli correlati

  • Il Quinto Giorno .. lo abbiamo letto per voiIl Quinto Giorno .. lo abbiamo letto per voi Non è stato difficile arrivare in fondo, snocciolando le 1032 pagine di questo voluminoso Thriller che unisce insieme suspense, azione, fantascienza ed ecologia. Gli ingredienti per una storia intrigante ci sono tutti e lungo il percorso […]
  • Alberto Moravia – Il disprezzoAlberto Moravia – Il disprezzo In ogni grande storia d'amore, almeno all'inizio, tutto appare perfetto. Si dice che sia colpa dell'amore stesso, che ci rende sordi e ciechi, e deve essere proprio così! Purtroppo, quando le crepe non viste si allargano, se non si […]
  • Grazie dei ricordiGrazie dei ricordi Joyce e Conor sono una giovane coppia di Dublino. Il loro rapporto è in crisi e unico filo che ancora li mantiene insieme e la notizia di un figlio in arrivo. Ma anche questo si spezza quando una forte emorragia pone fine alla gioia e […]
  • L’altare dell’eden di James Rollins (Lo abbiamo letto per voi)L’altare dell’eden di James Rollins (Lo abbiamo letto per voi) L’altare dell’eden è l’ennesimo romanzo capolavoro sfornato da James Rollins, un maestro affermato del genere strappato alla veterinaria, di cui per anni è stato un apprezzato membro. Rollins è in grado di catturare l’attenzione del […]
  • La via d’oro di James Rollins (Lo abbiamo letto per voi)La via d’oro di James Rollins (Lo abbiamo letto per voi) Cosa accade nella mente del lettore quando, dopo aver finito di leggere un libro, si ritrova a correre in libreria per acquistare un altro volume dello stesso autore? E’ quanto ci è accaduto dopo aver letto "La via d'oro"! James […]
  • Ayla figlia della Terra di Jean M. Auel (Lo abbiamo letto per voi) Ayla figlia della Terra: un avventura che dalla preistoria giunge con tutta la sua irruenza a noi popolo del futuro! Conosciamo insieme l'ultimo meraviglioso libro consigliato da Tina!
  • Ninja (The Ninja) Il Ninja: Tina ci presenta uno splendido romanzo eroico, il primo di una lunga saga di racconti scritti da Eric Van Lustbader Da non perdere!
  • Il fantastico mondo della “foresta di Kelp” – Live from Monterey Bay Aquarium Ecco la spettacolare visione , in diretta streaming, di una foresta sommersa, la foresta di Kelp, un mondo subacqueo situato nella baia di Monterey (California, USA) e patrocinato dal no-profit Monterey Bay Aquarium. Gli occhi delle […]

ADESSO TOCCA A TE!

Scrivici cosa ne pensi di questo articolo...

Lasciaci una domanda, un saluto o soltanto rendici partecipi dei tuoi dubbi!

Come vedi non hai scuse!


Devi essere Registrato o Loggato per lasciare un commento.




Made by BAFANGROUP - Professional 'nd style since 2004