I Graffi … lo sapevate che?

Si chiama VITA questo ingranaggio!

Archivio per la categoria ‘Ricorrenze&Festività’ .


Seleziona la pagina da visualizzare:



1 Maggio: un saluto ai veri EROI

Scritto da Bafan The original Maggio - 1 - 2012


Chi è il vero eroe, chi vola dotato di super poteri o chi è “costretto a subire” ogni giorno, ogni genere di ricatti e compromessi per poter sfamare i propri figli?

Chi è il vero eroe, chi guadagna milioni con il sudore degli altri, o chi è costretto a sopportarli per un salario non sufficiente nemmeno per sopravvivere?

Il testo di questo brano, scritto e cantato da CAPAREZZA, è il mio omaggio a tutti gli eroi VERI di ogni giorno!

“Eroe (Storia di Luigi delle Bicocche)”

(Caparezza)

“Questa che vado a raccontarvi è la vera storia di Luigi delle Bicocche,
eroe contemporaneo a cui noi tutti dobbiamo la nostra libertà”

Piacere
Luigi delle Bicocche
Sotto il sole faccio il Muratore e mi spacco le nocche
da giovane il mio mito era l’attore Dennis Hopper
che in Easy Rider girava il mondo a bordo di un Chopper
invece io passo la notte in un Bar Karaoke
se vuoi mi trovi lì
tentato dal videopoker
ma il conto langue e quella macchina vuole il mio Sangue
un soggetto perfetto per Brahm Stoker

Tu che ne sai della vita degli Operai
io stringo sulle spese
Goodbye Macellai
non ho salvadanai da Sceicco del Dubhai
mi verrebbe da devolvere l’otto per mille a Snai
io sono il pane per gli usurai ma li respingo
non faccio l’Al Pacino
non mi faccio di Pachinko
non gratto
non vinco
non trinco
nelle sale Bingo
man mano mi convinco

che io sono un Eroe
perché lotto tutte le ore
sono un Eroe
perché combatto per la pensione
sono un Eroe
perché proteggo i miei cari
dalle mani dei Sicari
dei cravattari
sono un Eroe
perché sopravvivo al mestiere
sono un Eroe
straordinario tutte le sere
sono un Eroe
E te lo faccio vedere
ti mostrerò cosa so fare col mio superpotere

Stipendio dimezzato
o vengo licenziato
a qualunque età io sono già fuori mercato
fossi un ex SS novantatreenne
lavorerei nello studio del mio avvocato
invece torno a casa distrutto la sera
bocca impastata come calcestruzzo in una betoniera
io sono al verde
vado in bianco
ed il mio conto è in Rosso
quindi posso rimanere fedele alla mia bandiera?
su vai
a vedere nella galera
quanti precari
sono passati ai mal’affari
quando t’affami
ti fai
nemici vari
se non ti chiami Savoia scorda i Domiciliari
finisci nelle mani di strozzini
ti cibi
di ciò che trovi se ti ostini a frugare i cestini
ne l’Uomo ragno ne Rocky ne Rambo ne affini
farebbero ciò che faccio per i miei Bambini

che io sono un Eroe
perché lotto tutte le ore
sono un Eroe
perché combatto per la pensione
sono un Eroe
perché proteggo i miei cari
dalle mani dei Sicari
dei cravattari
sono un Eroe
perché sopravvivo al mestiere
sono un Eroe
straordinario tutte le sere
sono un Eroe
E te lo faccio vedere
ti mostrerò cosa so fare col mio superpotere

Per far denaro ci sono più modi
potrei darmi alle frodi
e fottermi i soldi dei morti come un banchiere a Lodi
c’è chi ha mollato il Conservatorio per Montecitorio
lì i pianisti sono più pagati di Adrien Brody
io vado avanti e mi si offusca la mente
sto per impazzire come dentro un Call Center
vivo nella camera 237
ma non farò la mia famiglia a fette
perché sono un Eroe…

Sono un Eroe
perché lotto tutte le ore
sono un Eroe
perché combatto per la pensione
sono un Eroe
perché proteggo i miei cari
dalle mani dei Sicari
dei cravattari
sono un Eroe
perché sopravvivo al mestiere
sono un Eroe
straordinario tutte le sere
sono un Eroe
E te lo faccio vedere
ti mostrerò cosa so fare col mio super potere

………………..       ……………..         ………………..


Cosa aggiungere di più?

Ah, Buon 1 Maggio!

… e che la fortuna giri per una volta dalla parte giusta e dei giusti!

Che il Dio degli ultimi ringrazi a suo modo tutti i Brunetta del mondo, siano essi travestiti da politico, imprenditore arrembante, o soltanto artigiani dalla manina corta e il conto corrente pieno!

Un ultimo e sentito pensiero va a tutti i caduti sul lavoro, vittime bianche di una malattia ben più pericolosa e ripugnante dell’influenza suina!

Di lavoro si muore e in vero anche senza lavoro si muore ed è per questo che il posto di lavoro è considerata oggi la nuova schiavitù!

Buona festa, finché dura!




Buona sera,

chi vi scrive è il presidente onorario del Bafangroup, che a siti unificati ed a nome di tutti i membri del gruppo, in virtù dei poteri conferitegli dalla corona e con il benestare del santo patrono dei poveracci, dichiara ufficialmente aperta..

L’OPERAZIONE ANNO NUOVO

Chi vi scrive si trova nell’anno 2011 e come tutti è impegnato ad effettuare il trapasso indolore verso il nuovo anno

 

 

Brevemente elencherò qui di seguito le operazioni sufficienti e necessarie per far si che il 2011 non vi segua dall’altra parte, o almeno le cose negative che in quest’anno hanno minacciato la nostra incolumità psichica,economica e fisica!

Nei nostri programmi, questo arduo compito doveva essere a carico del nostro mago personale, Mago Bafanicus, ma ahimè di lui si sono perse le tracce in Mozambico, dove si trovava per una caccia ad un antico amuleto; spetta dunque a me tracciarvi il sentiero verso un futuro roseo!

 

Innanzitutto ..

– E’ bene lavarsi accuratamente e dotarsi di biancheria intima pulita; il colore non è importante, basta che non sia rosso-nera o nerazzurra, altresì sconsigliamo colori quali l’azzurrino pallido, il celeste ed il giallo-rosso; consigliati invece abbinamenti con il bianco ed il nero!

– Spargere del sale iodato sulle soglie di tutti gli ingressi e finestre, per evitare che i vampiri di equitalia possano entrare in casa vostra

– Spegnere la TV onde evitare “lavaggi di cervello” ad opera dei vai emissari del male

 

Quindi …

Mettersi davanti ad uno specchio e ripetere..

– Non odierò i miei simili perchè mi hanno fatto credere che la loro religione è cattiva e la mia è buona

– Non odierò i miei simili perchè mi hanno fatto credere che esista la politica; la sinistra e la destra sono solo diverse inclinazioni che il corpo prende quando è posto a novanta (90) gradi per prenderla in quel posto dal governante di turno

– Non crederò mai più che la colpa della crisi è di chi lavora ed il merito è di chi ha i soldi; questi ultimi sono solo la carota usata dai potenti per domare il gregge

– Non odierò mai più i miei simili perchè sono nati in un posto diverso dal mio; dove si nasce non cambia il fatto che siamo tutti uguali; se tua madre ti partoriva in un aereo intercontinentale saresti stato un bastardo per tutti; se tua madre ti partoriva nello spazio saresti stato rinchiuso nell’area 51 perchè extraterrestre.. la nazionalità è un invenzione per dividere la gente e comandarla meglio:

DIVIDI ET IMPERA

– Non crederò mai più che quando le cose vanno male è colpa degli operai, ei pensionati e delle famiglie e che altresì, quando vanno bene è colpa dei ricchi, degli uomini ben vestiti “fatti da soli”, dei potenti e di tutta quella gente che non ha mai fatto un cavolo in vita sua se non cercare un mezzo per sopraffare gli altri

– Non odierò mai più i miei simili perchè hanno tinte diverse di capelli, di pelle o accento strano nel parlare; le diversità esistono anche tra fratelli ed il mito del “tutti uguali” è proprio dei malati di mente

 

INFINE …

Augurerò a tutti che il nuovo anno sia privo di politici corrotti, di banchieri, bancari, di soldi, di politica e conflitti e divisioni religiose, razziali, politiche, religiose, economiche e di qualunque specie

Siamo il popolo di internet che in questi anni ha contribuito a smascherare il falso dei notiziari di regime, a sfigurare le maschere di gente falsa ed unnire tutti sotto un’unica bandiera, quella del..

 

SONO UN CITTADINO DEL MONDO

 

baFANCULO A TUTTE LE BANDIERE

 

di qualsiasi colore e ragione sociale

 

Facciamo che nel 2012 non ci segua niente di tutto questo!

 

Questo è il nostro,mio augurioper il 2012

 

dimenticavo ..

 

BUON 2012

e

 

BAFANCULO PURE AI MAYA!

AUGURI!

 

 

Buona Pasqua e buona resurrezione da tutti noi!

Scritto da Bafan The original Aprile - 4 - 2010


Buona Pasqua e Buona Resurrezione a tutti voi!

Che in tutti i cuori possa tornare a vivere la speranza in un mondo migliore, sconfiggendo la morte dell’anima e dei sentimenti che imperversa oggi nella nostra società!

Riviviamo con gioia il risveglio della natura, assaporiamo la pace del creato e godiamo del fuoco della speranza, che non deve spegnersi mai!

Facciamo che la scintilla che abbiamo nel nostro cuore diventi incendio che arda e abbatta le difficoltà di una vita moderna priva di significato, fatta solo di futili amenità, che ci inducono a correre e rinunciare a noi stessi ed ai nostri cari, inseguendo l’ombra riflessa dallo specchietto per le allodole rappresentato dal progresso!

Che la Pasqua 2010 ci insegni a dire NO ad un mondo inquinato , contaminato, rumoroso, frenetico, fatto di cose che non ci servono.. che ci insegni a riprenderci il nostro TEMPO LIBERO!

Siamo con voi.. rinasciamo insieme!

AUGURI da tutto il BafanGroup!

AUGURI!

Girotondo a Carnevale

Scritto da Bafan The original Febbraio - 11 - 2010


Girotondo, girotondo,
noi giriamo tutto il mondo.

C’è Gianduia e Meneghino,
Pulcinella e Arlecchino.

C’è Brighella e Pantalone,
Meo Patacca e Balanzone,

Beppe Nappa siciliano,
Stenterello che è toscano…

Girotondo, girotondo,
noi viaggiam per tutto il mondo,
e con noi portiam la gioia
che è nemica della noia.

Buoni S-Propositi (by L-ES)

Scritto da L-Es Gennaio - 8 - 2010


Il mio primo articolo, nel nuovo anno..

Quel nuovo anno, che indica la fine del primo decennio del 2000, il 2010 prende vita in una delle solite mezza notte; si drinka con birre, monte negro, vini rossi, spumanti e chi più ne ha più ne beva.

Ah che pacchia, e no invece no, perché questa non è vita; no signori, la vita è qualcos’altro, la vita è quella frazione di secondi, in cui non necessariamente da lucidi  compiamo delle scelte.

Ci si mette un attimo a pensare al più e al meno, e tac ci si ferma intorno il tempo, ma cosa ci ha condotto..? Cos’è che nel tramestio di tutto ciò che ci è intorno , ci ha così di colpo, lanciati e  indotti in questa direzione..? Cos’è che nella mente ha scatenato questo pensiero..?  E perché dal nulla, in questo momento invece che in un altro, uno stesso vecchio pensiero sorge più frenetico e decisivo.?

Quante volte si è pensato di mutare qualcosa..? E in fine per un motivo o per un altro, li si era scordati, o volutamente accantonati..? Indeterminazione, Ansie, Paure, Incertezze, Sfiducia..?

Ma quel pensiero c’è oggi e si fa spazio, è preciso e diretto, dritto nel cervello.

E d’un tratto gli diamo retta, peso, e decidiamo di dargli un assenso.

Quest’anno farò questo..

Si direbbe un buon proposito, forse, ma è di una diversa categoria; è una scelta è un dovere, si dovrà fare, è vita.

Questo anno inizia, con le mille illusioni di ogni anno..?

No perché conoscendo bene il soggetto che sono, non ho mai creato o avuto illusioni sul futuro, perché puntualmente deluso o smentito;  mai fatti buoni propositi, uno perché non me ne venivano in mente d’interessanti e due perché sapevo che la mia disillusione non mi avrebbe permesso d’impegnarmi a mantenerli e renderli reali.

E invece quest’anno? Ecco che sorge un intuizione.. e sarei anche ben motivato..

Mi chiedo, voi altri, che genere di intenzioni avete per questo 2010..?

Ci sono mille vite e valutazioni differenti per ognuna di esse.

“Boccaccia colpisce ancora
E non ho il diritto di prendere il mio posto
nella razza umana
Boccaccia, Boccaccia
Boccaccia colpisce ancora
E non ho il diritto di prendere il mio posto
nella razza umana “

C’è chi si vuol tenere stretto il posto di lavoro, e chissà , magari ci riuscirà..
C’è chi vuole un matrimonio, felice, e qui  ovazioni a iosa; tra confetti e chicchi di riso lanciati un pò qua e un pò là.
C’è chi vuole ottenere un ottimo riconoscimento negli studi, ci vuole molto impegno, ma ormai i titoli di studio son quasi tutti pezzi di carta inutili; per fortuna non di carne stampata, se no sarebbero le nostre chiappe al vento a farne sfoggio.

C’è chi per la prima o per l’ennesima volta, ci pensa, pensa alla propria morte:
-C’è chi si vuole sparare..
-C’è chi si vuole impiccare..
-C’è chi se ne vuole andare giocando con la sorte..
-C’è chi induce con la provocazione qualcuno ad ammazzarlo ..
-C’è chi si prepara con cura la dose ultima..
-C’è chi si lancia dal piano più alto che le sue gambe gli permettono di raggiungere, magari invece di un palazzo finito , si potrebbe ovviare per un cantiere; e lasciare il mondo osservando il fascino di un qualcosa d’incompiuto come ci si sente da sempre..
-C’è chi ci pensa sempre, ma ha degli scrupoli, non per sé stesso; ma per la reazione della madre o di altri, allora si sopravvive soffrendo, legati alla vita da un sentimento che non abbiamo mai creduto reale ma che esprimiamo ogni giorno verso quel qualcuno, tenuti in vita dall’altruismo..
-C’è qualcuno che pianifica una morte lenta e pulita, per cercare di morire in una posa composta, per non essere trovati in condizioni estetiche deprecabili; e per non dare eccessivo disturbo a chi ripulirà e ricomporrà il suo corpo, una cosa semplice, tagliare le vene e mettere i polsi a scolare in un secchio.
-C’è chi cammina per le strade nella speranza che un auto lo tiri sotto, nella speranza di avere ragione e non torto, in tal modo si spera di poter usufruire dei soldi dell’assicurazione se si sopravvive ( e se si sopravvive ci si augura di non essere ne menomati ne paralizzati, ne dementi o vegetali) se no i soldi se li mangia tutti la sanità pubblica o privata, se  si muore e si ha ragione allora si è contenti che quei soldi vadano alla propria famiglia riuscendo a fare qualcosa di buono almeno nella morte.
-C’è chi sbircia su internet i metodi migliori per suicidarsi in maniera “estetica” e indolore, e si sofferma a leggere un post intitolato “ Dieci modi al dì per suicidarsi” (post esistente e quindi cito testualmente un idea che purtroppo non è mia) , uno in particolare lo diverte e lo incuriosisce; La seconda proposta “Frullato di fragole”:
“Preparatevi un bel frullato di fragole di stagione, tagliandole a pezzetti in una brocca e aggiungendo dello zucchero, un po’ di latte e del gesso. Bevete il tutto sorseggiando molto lentamente: il gesso, solidificandosi, farà il resto.” estasiante , interessante goliardico e a suo modo divertente..
Ma anche un altra proposta cattura la sua attenzione la Sesta proposta chiamata “inoculazioni improprie” per endovena, esistono gli sperimentalisti anche nel suicidio.

C’è chi si è lasciato:
-C’è chi reagisce..
-C’è chi incolpa l’altro..
-C’è chi incolpa sé stesso..
-C’è chi non ce la fa..
-C’è chi accetta un dialogo con chi ora occupa quel posto al fianco del proprio ex..
-C’è chi odia entrambi..
-C’è chi augura al lui o lei di turno di farsi molto male, o magari una bella influenza non una a caso, magari la suina (intestinale possibilmente); e mentre immagina la scena se la ghigna come una pasqua sotto natale, con il telecomando in mano e davanti “la vita secondo Jim” proiettata nello schermo, tenendo a lato un bel vassoio pieno di cibi maialosi e sulle ginocchia un nuovo taccuino alla Bridget Jones, intenti a trascrivere ogni singolo pensiero bello o brutto sul nuovo anno.

E giù ad elencarli uno per uno.. i cosiddetti buoni propositi,

Che poi di buono cosa hanno..? L’intenzione..?  Eh eh eh eh.. No cari miei, perché se fosse buona, aumenterebbe la percentuale di quelli che vanno in porto e sono perseguiti fedelmente fino alla fine..

E invece..?

E invece no, e qui potremmo dire che sono buoni quanto la metà dei regali che ci vengono messi sotto l’albero, già i regali; belli eh..? sempre ciò che si è voluto o desiderato..Ceeeerto ma quando mai..?

Il babbo tirchio dal braccino corto (e non per costituzione), o così pigro e bonzuto, da non aver voglia di sellare le proprie renne; e che renne ragazzi!! Sono innovative vanno a benzina e hanno lo specchietto retrovisore; che poi povero vecchiarello ultracentenario che fatica girare l’angolo per comprare un regalo almeno che fosse uno soltanto ma azzeccato, e invece no, ho il sospetto che stare all’addiaccio tutto l’anno vicino ai semafori a suonare jingells bell non gli faccia mettere da parte abbastanza per far felici i bambini o adulti che dir si voglia.

E a ben pensarci, ma perché continuiamo a scrivergli..? porello, basta riempirlo di oneri e doveri che non abbiamo diritto di pretendere, facciamo noi un regalo a lui, un bel cane San Bernardo con un bel fiasco al collo, un paio di guanti e di calze calde senza buchi ne rattoppi; un nuovo tergicristallo nuovo da baci, così che possa guadagnarsi il pane quotidiano con meno fatiche.

Questo è natale, l’altruismo disinteressato, ma son sempre belle parole, proprio come i buoni propositi; ho scritto una volta a babbo natale, non mi ha portato nemmeno un regalo di quelli scritti e ha avuto anche il coraggio di bersi il latte e mangiarsi i biscotti, sto scroccone.

Buoni propositi , per il nuovo anno..

Essere più disponibili..
Essere più comprensivi..
Essere…

Avere dei buoni propositi seri e credibili, bisogna riuscire a crederci per primi, per lo meno.

L-Es

La Befana (G.Pascoli)

Scritto da Bafan The original Gennaio - 6 - 2010


LA BEFANA

Viene viene la Befana,
vien dai monti a notte fonda.
Come è stanca! la circonda
neve, gelo e tramontana.
Viene viene la Befana.

Ha le mani al petto in croce,
e la neve è il suo mantello,
ed il gelo il suo pannello,
ed è il vento la sua voce.
Ha le mani al petto in croce.

– E si accosta piano piano
alla villa, al casolare,
a guardare, ad ascoltare,
or più presso or più lontano.

Piano piano, piano piano.

– Che c’è dentro questa villa?
Uno stropiccìo leggero.
Tutto è cheto, tutto è nero.
Un lumino passa e brilla.

Che c’è dentro questa villa?

– Guarda e guarda… tre lettini
con tre bimbi a nanna, buoni.
Guarda e guarda… ai capitoni
c’è tre calze lunghe e fini.

Oh! tre calze e tre lettini…

– Il lumino brilla e scende,
e ne scricchiolan le scale:
il lumino brilla e sale,
e ne palpitan le tende.

Chi mai sale? Chi mai scende?

– Coi suoi doni mamma è scesa,
sale con il suo sorriso.
Il lumino le arde in viso
come lampada di chiesa.

Coi suoi doni mamma è scesa.

– La Befana alla finestra
sente e vede, e si allontana.
Passa con la tramontana,
passa per la via maestra:

trema ogni uscio, ogni finestra.

– E che c’è nel casolare?
Un sospiro lungo e fioco.
Qualche lucciola di fuoco
brilla ancor nel focolare.

Ma che c’è nel casolare?

– Guarda e guarda… tre strapunti
con tre bimbi a nanna, buoni.
Tra le cenere e i carboni
c’è tre zoccoli consunti.

Oh! tre scarpe e tre strapunti…

– E la mamma veglia e fila
sospirando e singhiozzando,
e rimira a quando a quando
oh! quei tre zoccoli in fila…

Veglia e piange, piange e fila.

– La Befana vede e sente;
fugge al monte, ch’è l’aurora.
Quella mamma piange ancora
su quei bimbi senza niente.

La Befana vede e sente

– La Befana sta sul monte.
Ciò che vede è ciò che vide:
c’è chi piange e c’è chi ride:
essa ha nuvoli alla fronte,

mentre sta sul bianco monte

(Giovanni Pascoli)




The BafanGroup






FREE SITE

NO ADWARE

NO SPAM

La liberta' di parola e di opinione non ha un prezzo convertibile in denaro!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: