I Graffi … lo sapevate che?

Si chiama VITA questo ingranaggio!



maldiveLe Maldive sono uno dei mille regni fantastici che popolano i sogni dei turisti di tutto il mondo!
Un paradiso composto da 1192 isole coralline, immerso nel mare sconfinato dell’Oceano Indiano e circondato da tutto lo splendore tropicale possibile

Un paradiso che ogni anno viene frequentato da milioni di turisti, che dai 4 lati del mondo muovono verso questo arcipelago per  immergere le loro sacre membra nelle cristalline acque tropicali, circondati da pesci, sole e tuta l’accoglienza degna di un sogno

Come e più di altre realtà terrestri, le Maldive vedono la minaccia di quest’era postglaciale, arrivare dal mare!

Una minaccia frutto dell’innalzamento del livello delle acque degli oceani  come conseguenza dello scioglimento delle calotte polari e che potrebbe veder sparire questo paradiso vacanziero!

Ovviamente i pesci tropicali e le barriere coralline non corrono altro rischio che trarre benefici dall’allontanamento dell’uomo; diverso discorso per gli abitanti degli atolli!

Il presidente maldiviano Mohammed Nasheed ha quindi pensato di correre ai ripari, e cercare di salvare le isole o almeno garantire un futuro ai suoi isolani!

Ha stilato un ambizioso progetto il cui sovvenzionamento sarà a cura dei turisti, ai quali verrà imposta una “Green Tax” stimata sui 3 dollari a cranio, al giorno

Il cuore del progetto presidenziale , ora al vaglio del parlamento Maldiviano, non è di combattere i mulini a vento di un oceano imponente, ma mira  a dare ai 350.000 maldiviani una patria alternativa

La sua intenzione è infatti quella di acquistare terreni sulla terraferma dove trovare riparo nel caso il suo paradiso venga fagocitato dalle acque

Davvero lodevole e giusta l’idea di pensare al futuro del suo popolo, per non vederlo domani esule e senza patria!

Usare quello che il presente offre per costruire un domani sicuro!

Ovviamente poi , quando si parla di “nazione”, certi intenti lodevoli possono naufragare, in virtù dell’umana abitudine di legarsi ai luoghi natii!

Si sentirà Maldiviano una persona nata nella nuova patria sulla terraferma?
Non succederà che la nuova colonia sulla terra ferma, decida un domani di chiedere la separazione e l’indipendenza, come accadde ad esempio per le colonie inglesi in America?

Dietro intenti lodevoli si nasconde sempre lo zampino del diavolo, annidato nella contorta natura umana capace di trasformare il semplice in complicato ed il bello in un orrore senza fine!

La proposta del presidente non punta comunque solo all’acquisto di una “NAZIONE di SALVATAGGIO”, ma prevede di rendere le isole Maldive nella prima nazione “CARBON FREE” o se preferite “Carbon Neutral”, ovvero di ridurre o eliminare totalmente la dipendenza da fonti di energia derivanti dal carbone!

Al costo stimato di 1 miliardo e 100 milioni di dollari, sugli atolli verranno impiantati pannelli solari, turbine eoliche e impianti a biomassa per eliminare appunto l’uso di energia derivante dai  fossili

Costi esorbitanti che frenano l’ecologia non solo alle Maldive ma in tutto il globo!

Dietro il rifiuto di trovare soluzioni alternative si nasconde una crisi pecuniaria che altro non fa che ingrassare gli ingranaggi di un meccanismo che porta il pianeta verso un collasso evitabile ed inevitabile al tempo stesso!

Inquinare costa meno che non farlo..  alle Maldive ci provano!
Per risparmiare denaro lo stesso primo ministro ha dovuto rinunciare a partecipare alla conferenza sul clima di Copenaghen di dicembre e per finanziare questi ambiziosi quanto necessari progetti punta sull’unica risorsa dell’arcipelago, il turismo, da cui deriva un quarto del prodotto interno lordo (PIL)

700 mila turisti si abbronzano sulle bianche spiagge maldiviane ogni anno, per non meno di 3 giorni
Quindi tassando ogni singolo visitatore per 3 dollari al giorno, le casse dello stato vedranno una iniezione di 6 milioni e 300 mila dollari l’anno

Non saranno tutti i soldi che servono, ma è un inizio per garantire un futuro agli abitanti ed al contempo aiutare lo stesso pianeta, e lo stesso ecosistema della zona a tirare un piccolo sospiro di sollievo!

Certo un arcipelago non farà primavera, e le Maldive da sole non potranno salvar il pianeta, sopratutto se nazioni altamente inquinanti, come Cina o America, rifiutano di aderire ai vari trattati

Anche voi TURISTI dl mondo, che visitando e ammirando i vari paradisi terrestri appagate la fame di bellezza, non potete esimervi dal partecipare volentieri a progetti simili, volti alla salvaguardia di un pianeta bello, ma nelle mani sbagliate!

Green tax per tutti allora e tappiamo le ciminiere del mondo e le centrali termo inquinanti

Un alternativa c’è.. non lasciatevi ingannare!

Altrimenti?

Tutti a mollo e si salvi chi può!

Visita le Maldive grazie a BAFAN.IT:

Maldive – Galleria fotografica

Maldive – Foto dei Fondali

Maldive – Foto Panoramiche

__________________________________________________________________

Fonte

Categoria: Ecologia, Economia, News, Scienza

Articoli correlati

  • Centrali energetiche casalinghe: L’idea che fa tremare i potenti10 Settembre 2009 Centrali energetiche casalinghe: L’idea che fa tremare i potenti Un nuovo modo di produrre energia elettrica arriva da una partnership tra la Volkswagen e Lichtblick! Produrla in casa e rivenderla all'azienda elettrica! E si fa a meno di nuove centrali nucleari!
  • NUCLEARE: ci crede solo l’ITALIA1 Marzo 2009 NUCLEARE: ci crede solo l’ITALIA 'Il nucleare - ha detto Carlo Rubbia - e' il passato, appartiene al futuro solo in Italia' Il nucleare presenta più svantaggi che vantaggi,ma piace alle finte democrazie per la […]
  • Metti un giorno il mondo a testa in giù!1 Aprile 2009 Metti un giorno il mondo a testa in giù! Cosa accadrebbe se all'improvviso il mondo finisse a testa in giù? Sembra solo un modo di dire, eppure non lo è, perchè geologicamente è già successo! Certo!, resta prima da definire […]
  • Il buco nell’ozono si chiude: ma è un bene? Viaggio tra diversi punti di vista!10 Maggio 2010 Il buco nell’ozono si chiude: ma è un bene? Viaggio tra diversi punti di vista! La scoperta, effettuata nell'ormai lontano 1985 dal britannico Jonathan Shanklin, fece gridare il mondo al disastro ecologico, costringendo addirittura i grandi del mondo, cosa quanto […]
  • L’Elisir di lunga vita Esiste!27 Settembre 2009 L’Elisir di lunga vita Esiste! Dall'ottantaquattrenne guru della botanica, Guglielmi Liberoso, un invito alla scoperta dell'elisir di lunga vita nascosto nei nostri giardini! Una lezione di vita dall'ispiratore del […]
  • EARTH DAY 2009 – E’ la TUA festa!22 Aprile 2009 EARTH DAY 2009 – E’ la TUA festa! Oggi è il giorno della TERRA 22 Aprile, una data per festeggiare il nostro amato e vituperato pianeta TERRA Dal 1970 che si festeggia il Giorno della Terra, in inglese Earth Day è il […]
  • Darwin, l’Orso polare, le Tigri e l’uomo: Storia di un ecatombe15 Marzo 2009 Darwin, l’Orso polare, le Tigri e l’uomo: Storia di un ecatombe Il wwf commissiona uno studio dal quale si evidenziano le razze animali a rischio di estinzione a causa dei cambiamenti climatici! A noi è chiaro che il vero motivo per cui la vita sul […]
  • Guerre stellari:zzzzzzz il ritorno delle zanzare!16 Marzo 2009 Guerre stellari:zzzzzzz il ritorno delle zanzare! Ecco dall'America una nuova invenzione che rivoluzionerà le nostre caldi estati, infastidite da nugoli di zanzare affamate! Un laser anti-zanzare.. se ne parla sui Graffi di Bafan!

E adesso non startene li impalato! Scrivi un commento.


Quello che pensi, nel male e nel bene ci interessa!

Devi essere registrato per lasciare un commento.

The BafanGroup






FREE SITE

NO ADWARE

NO SPAM

La liberta' di parola e di opinione non ha un prezzo convertibile in denaro!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: