E se davvero si potesse prevedere la morte?

Potete chiamarlo sesto senso, intuito o capacità extrasensoriali, sta di fatto che molte persone hanno fatto i conti con quelle che secondo i più si possono chiamare incredibili coincidenze! Imboccare una strada piuttosto che un’altra, una sensazione provata, un ritardo ingiustificato e ti accorgi di essere scampato o di essere finito dritto dritto tra le braccia della “nera signora”: la morte!

Ma come possiamo avere certezze sapendo così poco sui dei poteri della mente?

In questi giorni (a poca distanza dal 2° Novembre) sta facendo il giro del mondo la storia di  Declan Sullivan, 20enne studente americano , che poco prima di morire aveva predetto la sua morte su Twitter!

Il giovane stava filmando una partita di football dall’alto di una torre mentre soffiava un forte vento. Verso le 15,20 su Twitter messaggiava “Folate di vento a oltre 60 miglia orarie. Bene, oggi ci sarà da divertirsi a lavorare. Scommetto che ormai ho vissuto abbastanza a lungo…”!

Circa un’ora dopo, alle  16, 05,  sul suo account aggiungeva “Mio Dio, mio Dio, tutto questo è terrificante…”! Alle 16,50 la torre da cui stava filmando la partita è crollata provocando la morte del giovane Declan.

Solo una coincidenza? Intendeva solo scherzare con quei messaggi su Twitter o davvero aveva “visto” il suo futuro?

Domanda che resterà ovviamente senza risposta, ma c’è chi ricorda Oscar, il gattino della casa di cura di Providence, negli Stati Uniti. Un gattino come gli altri con un solo piccolo particolare: con precisione estrema, quando un paziente stava per morire, ogni volta  drizzava le orecchie, saltava sul letto dell’anziano, faceva le fusa e lo accompagnava fino al suo ultimo respiro.

Oscar avrebbe “predetto” la morte di almeno 25 persone!Si teme che qualcuno gli faccia… la festa!

[youtube nojvKeArUkE]

Uno studio del Journal of Alternative and Complementary Medicine  dimostra che l’uomo può avvertire alcuni eventi emozionali pubblicando che “…la curva di decelerazione del battito cardiaco in risposta al prestimolo emozionale comincia a divergere 4,8 sec.  prima dell’evento, confrontato al prestimolo neutro, mentre il segnale ERP, ricavato dall EEC  in risposta al prestimolo emozionale mostra un aumento circa 3,5 secondi prima del verificarsi dello stimolo (comparsa della fotografia- es.un serpente): questo shif-positivo nell’ ERP significa che il cervello conosce la natura del futuro stimolo…”!


E continua scrivendo che “..la differenza tra i due eventi dimostra che il cuore riceve  l’informazione 1,3 secondi prima del cervello. Ergo, possiamo sentire col cuore, prima che il nostro cervello ci indichi la via…”!

Inutile dire che non ci ho capito niente di questo studio, com’è inutile che vi spieghi quant’è  difficile scrivere questo articolo con una sola mano essendo l’altra impegnata in scaramantiche “toccate”, tutte le opzioni sono allo stesso tempo plausibili ed opinabili, forse l’uomo, con lo scorrere dei secoli , ha abbandonato anche la sola idea di poter avere certe capacità.

Ma come poter dargli torto? Che incubo sarebbe sapere la data della propria scomparsa o quella di una persona vicina?

Non prendete troppo sul serio l’argomento, anzi vi voglio consigliare un vecchio film che parla proprio di questo: “Avvenne domani”, una divertente commedia di Renè Clair!

In fondo il bello (o il brutto) della vita non è forse dato dal fatto che, per quanto tu  provi a programmare la tua vita, le cose potrebbero andare nel modo più impensato possibile?

Ah, dimenticavo… LUNGA VITA AL BAFAN GROUP!



Riguardo l'autore dell'articolo posso dirvi che..

ha scritto 277 articoli su BAFAN.IT.

Articoli correlati

3 Commenti su “E se davvero si potesse prevedere la morte?”

  • Bafan 7 Novembre, 2010, 22:10

    ed io mi tocco!!! 😯
    muahahha :mrgreen:
    dimenticavo.. animalisti o no…
    Giuro che se il mio gatto salta sul letto e fa le fusa.. LO UCCIDO! !! 😈
    Almeno possiamo continuare a litigare nell’aldilà! :mrgreen:

  • grendal 22 Febbraio, 2011, 22:19

    bel fenomeno 😯 il primo è inspiegabile…. il secondo è biochimico (il gatto percepisce degli odori dai pazienti che stanno x morire…. anche se secondo me non è possibbile prevedere la morte -.- 😆

  • Bafan 23 Febbraio, 2011, 13:26

    Aggiungi nel cestino della spesa che le fonti non sono verificate e/o verificabili e quando passi alla cassa tira fuori il buon sconto del 50% di probabilità che un evento si verifichi, nonostante appaia “improbabile” e vedi se alla fine rimane qualcosa chiamato “sesto senso” o “percezione extrasensoriale”
    Ad ogni modo concordo con te… forse il gatto aveva sviluppato una certa “esperienza” in merito, o magari è solito fare le fusa sul letto degli amici, moribondi o meno che siano! 😉

ADESSO TOCCA A TE!

Scrivici cosa ne pensi di questo articolo...

Lasciaci una domanda, un saluto o soltanto rendici partecipi dei tuoi dubbi!

Come vedi non hai scuse!


Devi essere Registrato o Loggato per lasciare un commento.




Made by BAFANGROUP - Professional 'nd style since 2004