Assisi: “I colori di Giotto” in mostra sino a settembre

Un occasione unica ed imperdibile attende ad ASSISI chi vuole ammirare da vicino, ma davvero da molto vicino, le opere di GIOTTO

L’iniziativa è stata realizzata dal Comune di Assisi in collaborazione con il Sacro convento, il ministro dei Beni culturali, le Sovrintendenze dell’Umbria, la Regione, il Consiglio nazionale delle ricerche, e si svolge dall’11 Aprile al 5 settembre ad Assisi nella Basilica Inferiore e a Palazzo di Monte Frumentario

L’evento dal titolo  “I colori di Giotto” organizzato nell’ambito delle celebrazioni dell’ottavo centenario della fondazione dell’Ordine francescano, prevede un doppio percorso

Sarà infatti possibile ammirare in diretta  il restauro degli splendidi dipinti murali della Cappella di San Nicola nella basilica inferiore di San Francesco (con la possibilità di salire sui ponteggi del cantiere a gruppi contingentati di persone), intervento partito all’indomani del tragico terremoto del 1997 (che ridusse la volta in 300 mila frammenti raccolti e ricomposti) e che ha necessitato di interventi strutturali e conservativi

Inoltre potremo ammirare presso Palazzo Frumentario,  la ricostruzione virtuale, ( in alcuni casi tridimensionale ed interattiva) delle Storie francescane, immergendoci nel ciclo pittorico che si dipana per  le pareti della basilica superiore di San Francesco,  riprodotta in scala reale (su uno schermo di 5 metri x 4)

Un’applicazione di realtà virtuale tridimensionale che consente l’immersione del pubblico tra i personaggi della scena, dove l’architettura, gli oggetti, le figure umane, gli effetti di chiaroscuro sono stati ricostruiti in 3D

La ricostruzione virtuale permetterà di ammirare la spettacolare e originaria cromia, a tratti  cangiante, delle Storie di San Francesco cosi come era appena uscita dalle mani dell’artista!

L’opera dei restauratori , non ancora conclusasi, è andata oltre il previsto sia come tempi che come successi e ci restituisce il grande colorista della cappella degli Scrovegni  ed  l’impianto prospettico delle storie

L’aver ristabilito l’autentica cromia ha portato in primo piano le colonne tortili che dividevano le scene, restituendo l’originario  impianto delle scene

Queste colonne in originariamente bianche, creavano il senso della profondità di una quinta

Il restauro è anche l’occasione giusta per stabilire  di chi siano le mani pittoriche dei vari dipinti, rivelando il nome dei maestri di cui Giotto si circondò in questo suo primo cantiere ad Assisi

La prima certezza emersa da questi studi è che dietro le opere c’è  effettivamente la bottega di  Giotto;   le soluzioni spaziali e  la visione complessiva dell’opera possono essere solo frutto del suo genio, così come la figura del Cristo ed il San Francesco portano l’impronta della sua mano

Giotto era insomma un regista, che impostava e seguiva il lavoro, realizzando di sua mano le figure più importanti, e lasciando ad altre mani della sua bottega il lavoro di rifinitura e completamento delle opere

La necessità di questi studi nasce da una critica internazionale, convinta dell’assenza della figura di Giotto da Assisi, e che verrebbe cosi smentita da prove scientifiche ed inconfutabili!

Ulteriori informazioni le trovate su…

SanFrancesco Patrono d’Italia



Riguardo l'autore dell'articolo posso dirvi che..

ha scritto 847 articoli su BAFAN.IT.

Nato uomo, visse da simpatico umorista, mori e fu sepolto e non si seppe più nulla di lui per millenni!! Accadde un giorno, in uno sperduto villaggio, che un ragazzo di cui ignoriamo il vero nome, si risvegliò da una grave malattia con una nuova coscienza di se e del mondo. Lo shock, provocato da un eccesso di bilirubina nel sangue, aveva causato in lui un amplesso cerebrale in grado di riportare in vita Bafan, il guerriero della lingua, che armato di ironia e sagacia è in grado di svelare la realtà nascosta sotto la crosta dell’apparenza! Ulteriori INFO sull'autore

Articoli correlati

ADESSO TOCCA A TE!

Scrivici cosa ne pensi di questo articolo...

Lasciaci una domanda, un saluto o soltanto rendici partecipi dei tuoi dubbi!

Come vedi non hai scuse!


Devi essere Registrato o Loggato per lasciare un commento.




Made by BAFANGROUP - Professional 'nd style since 2004